Occasioni uniche

Per condividere la felicità

Di stare tra veri amici

La Combriccola

Amici per davvero

Mai un nome è stato più azzeccato. Quello che ci contraddistingue è veramente lo spirito di amicizia che ci lega, per noi stare sul palco insieme è sempre un piacere. Ci piace da matti passare le serate delle prove a ridere fino alle lacrime (a volte però lavoriamo seriamente, davvero!), in un posto fantastico come il nostro accogliente teatro.

La tradizione teatrale a Venegono è viva da tanti anni, ha ripreso forza con il nostro grande amico Bruno Maffioli.. E anche se oggi lui non è più tra noi, sappiamo che ogni spettacolo lui è con noi. Ciao Bruno :)

Ettore Peron

Ettore

Altresì conosciuto come Ettore “Seccabal” Peron.
Regista, presidente dell’associazione e vero cuore pulsante della compagnia, grazie al suo contagioso entusiasmo vengono portate avanti ogni anno le rassegne ed i nuovi spettacoli.
Ogni volta ci stracci l’anima con i soliti “questa è l’ultima volta” e “ma chi me l’ha fatto fare!?”, ma noi sappiamo bene che in fondo non puoi stare senza il tuo amato teatro e senza di noi.. e la cosa è reciproca :)

Negli ultimi anni ci ha deliziato con il miscredente Rocco Barbati in “Quel campett del Signor” e un disorientato Francesco Malvezzi ne “I complessi

Fosca Cavaliere

Fosca

Fosca Cavaliere, esempio di stoicismo e pazienza (e quando passi sotto le grinfie di Ettore, ce ne vuole!). Quando è entrata nella compagnia pochi anni fa, si è subito messa in gioco nel Campett, fino alla spettacolare prova “Pelusi” dei Complessi (performance per la quale ora tutti la chiamiamo così). Attenzione a non farla ridere troppo, potrebbero volerci parecchi minuti per farla smettere e soprattutto farle riprendere il normale colorito.. ma nonostante ciò ne vale la pena!

Una timorata Carmela in “Quel Campett del Signor” e la panterona Signorina Pelusi ne “I complessi“.

roberto raito

Roberto

Attenzione! Trumbèe Roberto Raito a bordo! Attore “di spessore” nel vero senso della parola, perfetto compagno “di merende”, e grande esperto del “gusto” artistico. Un carissimo amico con noi da anni, e senza il quale non potremmo stare! Roberto ha la fenomenale capacità di rimanere pacifico prima, durante e dopo lo spettacolo come se nulla fosse, suscitando invidie da tutte le parti.. E’ talmente a suo agio dietro le quinte durante gli spettacoli, che è capitato di sorprenderlo a sonnecchiare in attesa della sua entrata..

Lo abbiamo apprezzato con un moribondo Minelli in “Quel Campett del Signor” e il malcapitato Camillo ne “I complessi“.

DSC_0255

Mauro

Mauro Pronesti, nessuno più sa che si chiama così. Ormai per tutti è Pinny, da Pinella, il personaggio del Campett del Signor interpretato con estrema identificazione. Mauro va curato e inseguito perché ha il vizio di non finire le cose.. ma quando lo fa i risultati sono sempre di qualità super! Recita con passione ed ha un talento… Per la recitazione e per mandare su tutte le furie il regista! Che lo adora.

Un bistrattato Pinella in “Quel campett del Signor” e lo sconclusionato Biagio ne “I complessi

Cristian Negri

Cristian

Cristian Negri, come la maggior parte di noi ha un soprannome che nasce da delle (gran) belle storie. Nel suo caso possiamo a ragione chiamarlo punto e virgola, data la sua andatura sciancata a seguito di “una serie di sfortunati eventi” (abbiam già detto troppo). Cristian è il nostro fantastico angelo custode dietro i mixer, appeso alle scale, alle scene, alle luci, ai cicchetti.. e anche in scena ci da un sacco di soddisfazioni (sussulti compresi)!

Una fantastica sostituzione di Padre Giuseppe in “Quel campett del Signor“.

Gianluca

Gianluca Peron, ha il pesante fardello di essere il fratello del regista.. Solo chi sà, può capire! Gianluca è, a differenza di Skat, un infaticabile lavoratore che dà sempre il suo meglio negli allestimenti degli spettacoli. Grazie al suo grande gusto estetico e, come già detto, al grado di parentela con Ettore, è l’unico che può permettersi di rispondergli male.. ma questo non è poi così necessario.. non sempre almeno!

Gianluca in realtà non ha (ancora) recitato con noi, ma insieme a Cristian ha sempre una parte da protagonista dietro le quinte ;)

Raffaella Marchegiano

Raffa

Raffella Marchegiano, ormai conosciuta come Olga, arriva da numerose esperienze teatrali fatte in altri contesti, in altri tempi, in altre dimensioni. Ma come dice la saggezza popolare, tutte le strade portano a Roma (e a noi!). Giunta a noi per una sostituzione nel Campett (e di sostituzioni “in extremis” ne abbiamo viste, vero Raffa??)

L’emiliana Avvocatessa Pennella in “Quel campett del Signor” e una focosa Olga Tataniev ne “I complessi

Betty Asta

Betty

La nostra fantastica Elisabetta Asta, che teatro sarebbe senza di lei? Con le sue risate, le crisi d’ansia pre-spettacolo, il bollettino meteo (di più non possiamo svelare) rende ogni serata degna di essere vissuta solo per quel tocco di Bettytudine che assume per forza di cose. Ci regala senza sosta la sua allegria incontenibile rendendo la nostra compagnia ancora più unica. Grazie Betty :)

Timorata e premurosa Francesca Barbati in “Quel Campett del Signor” e disperata Elena Malvezzi ne “I Complessi

Carmela Bisci

Carmela

Insieme a Ettore e Betty, la nostra Carmela Bisci rappresenta la compagnia storica (ci piace definirli vintage, ma poi si offendono). Un’amica sorridente e generosa, una presenza sulla quale si può sempre contare anche fuori dal palcoscenico. Potrebbe raccontare così tante avventure passate insieme.. ma questa è un’altra storia ;)

L’erudita Rosa in “Quel Campett del Signor” e un’ingenua (ma nemmen troppo) Luciana Di Pietro ne “I Complessi

DSC_0005

Erica

Erica Stevenazzi, una vera mina vagante. Giovane ed entusiasta di qualsiasi progetto si possa portare in scena, è la compare ideale se non volete annoiarvi mai! Da quando è entrata nella compagnia le prove sono diventate anche più esilaranti. L’importante è non farle rilasciare interviste, tenetelo bene a mente!

Grazie alla stralunata cameriera Antonia de “I Complessi” Erica ha vinto il premio migliore attrice non protagonista al concorso “Proscenio Aggettante” tenutosi a Chiusi dal 23 al 27 settembre 2014. Dai un occhio qui per saperne di più!

skat_konglow

Skat

Lorenzo Scaturchio, in arte Skat. Quasi ex giovincello che ormai fa parte da qualche annetto della combriccola, attivo anche nella compagnia dei giovani e che da sempre fa del suo meglio in ogni ruolo gli venga affidato dal carissimo Ettore, tirandone fuori ogni volta dei personaggi unici.. a volte azzarderemmo dire anche singolari. Evviva il nostro “terunel”!

Un esilarante e diversamente-lombardo Domenico in “Quel campett del Signor” e il discutibile Dottor Davide Konglow neI complessi

Qualche Foto

Spettacoli fantastici di ieri e oggi

Il teatro

 

Secondo alcune notizie e documenti possiamo datare l’avvio dell’attività teatrale a Venegono Inferiore agli inizi del 900.
Don Giovanni Benetti, coadiutore di Venegono Inferiore dal 5 febbraio 1886, istituisce una Società Cattolica di Mutuo Soccorso con lo scopo di radunare attorno ad un programma cristiano i giovani del paese.
Divenuto parroco, in mancanza di altre strutture, destina come salone da teatro l’antica chiesetta di S. Antonio e Leonardo, acquistata dalla parrocchia nel 1844, ormai però sconsacrata. La chiesetta verrà demolita nel 1940.

Quando, nel 1927 si inizia la costruzione del nuovo oratorio prospiciente la piazza della chiesa, la compagnia filodrammatica di quel periodo può avvalersi di un palco e di un salone più adeguati e funzionali. Il nuovo oratorio viene solennemente inaugurato nel 1930.

Don Edoardo Benetti, subentrato nel 1927 in qualità di coadiutore a don Ambrogio Trezzi, il 20 dicembre 1930 redige un regolamento, conservato nell’Archivio parrocchiale, per meglio coordinare le attività che si svolgono nel nuovo oratorio tra cui anche quella filodrammatica. Il regolamento cita tra i responsabili dell’attività filodrammatica il signor Deanesi, un amico di don Antonio Benetti, fratello del coadiutore, e i signori Sarti Emilio e Lepori Arturo.

La compagnia filodrammatica locale registra un deciso impulso a metà degli anni 30 grazie al trasferimento a Venegono Inferiore di Mario Stabile, che discende da una famiglia dedita al teatro (i suoi bisnonni sono coloro che fondano a Milano l’omonimo teatro) e si esibisce lui stesso sui palcoscenici milanesi.

Mario Stabile morirà a Venegono Inferiore nel 1959 a 65 anni e sarà sepolto nel locale cimitero. Grazie alla sua esperienza la compagnia filodrammatica fa un importante salto di qualità presentando numerosi lavori anche in costume. In un periodo in cui non vi sono facili divertimenti, le frequenti recite teatrali sono un raro momento di svago. Pur con lo scoppio della guerra la locale compagnia teatrale porta avanti la sua attività con continuità fino agli anni 50.

Va notato che nel 1942, a Venegono Inferiore, è presente e propone lavori la famiglia Rame, una famiglia di attori itinerante; inizia i suoi primi passi da attrice anche Franca Rame, attuale compagna di Dario Fo.
Dagli anni 50 in poi, presso il salone teatrale, vengono presentati sporadici lavori proposti dai giovani, qualche serata musicale, dei saggi e dei “recital” soprattutto in occasione di ricorrenze e dei festeggiamenti più significativi fino al 1975 quando, grazie all’impegno di Bruno Maffioli, un attore proveniente dalle esperienze precedenti, la compagnia filodrammatica “Amici del teatro” riprende impulso e vigore. Bruno ci ha lasciati nel 2000, ma la sua passione continua a vivere con noi..

Alessandro Limido

Stiamo in contatto!

Trovaci

  • Indirizzo: P.zza ss. Giacomo e Filippo 1, 21040 Venegono Inferiore (VA)
  • Telefono: +39 347 1581093
  • Email:

Contattaci